mercoledì 24 agosto 2016

TUTA TESCHIO IN DOWNLOAD GRATUITO, MA NON IN REGALO.

Tuta Teschio(Skull Suit) it's now in free download. The story of the greatest athlete of all time. 

Su Retina trovate disponibile in download gratuito TUTA TESCHIO, raccolta di storie brevi e molto brevi uscite in origine su Vice, con l'aggiunta di un inedito, Tuta Teschio appunto. È stato pubblicato nel 2013 da The Milan Review e il T.C.B.F.
Potete scaricare il fumetto in formato pdf o in cbz per i lettori di ebook. La versione cartacea è veramente ardua da recuperare ed era quindi necessario dargli in qualche modo la possibilità di essere ancora letto, e poi era l'unica mia pubblicazione che ancora non era disponibile in questo formato. Ringrazio chi ci ha investito la prima volta(The Milan Review e T.C.B.F.) ed Elena e Davide di Retina che ospitano la versione digitale.
Le storie contenute nell'albo sono tutte scoppiettanti, vi invito quindi a scaricare e leggere.


Sembra tutto filare liscio, e invece bisogna sempre rispondere alla domanda, anche quando non posta, sul perché del download gratuito. L'ho già detto altre volte ma credo sempre valga la pena raffinare il tiro e magari essere anche più diretti, quindi sospendo i possibili distinguo e vado al nocciolo:
Credo che i fumetti, molto più che le opere letterarie, debbano essere di carta. Il medium è ormai adulto, questo vuol dire che ha codici e forme che lo determinano in quanto tale e limti che lo definiscono. Non si può dire ad un adulto di cambiare mentalità o numero delle braccia, non ha l'elasticità per farlo e castrerebbe il potenziale che con fatica si è formato(da questo discorso sono escluse le forme ibride che nel fumetto hanno solo uno dei punti di partenza, tipo TOBECO o Sir Gore). Questo assunto di base mi porta a sminuire le versioni ebook fino a togliere il prezzo, che non vuol dire regalarle.

Regalare qualcosa che vogliono in mille, quando quei mille l'hanno già comprata o la comprerebbero comunque, non ha nessuna valenza etico/culturale. Non prendo posizione, non cambio le regole, non metto in crisi il copyright, non faccio un gesto egualitario, non regalo niente a nessuno se non a me stesso autore/produttore. In queste condizioni è solamente uno strumento per aumentare il numero di lettori e futuri compratori.
Credo però che esplicitare questa dinamica vada nella direzione "attiva" che invece si associa all’atto stesso. Diciamo che serve almeno a smascherare un'azione che ci viene raccontata come rivoluzionaria ed è invece utilitaristica. Serve concordare che, in questi specifici casi, si tratta di evoluzione mercantile, e non di rivoluzione culturale. È utile perché avendo questa consapevolezza è possibile ragionare su idee veramente progressive. Ad esempio credo che dare la certezza del download gratuito e completo di tutti i miei fumetti, passati e futuri, sia un gesto molto più fecondo del download stesso che va invece dato per scontato e reso innocuo, come in effetti è.

Ripeto che il discorso può aprirsi come la coda di un pavone e avere mille rivoli anche necessari, ma a me interessa in questi tempi(i tempi di internet) e in questi luoghi(internet) ragionare secco, scheletrico. Prima il Teschio, e poi la Tuta.

Nessun commento:

Posta un commento